qu3st0 m0V1m3nt0 p0p0l4r3 NASCE DA MECCANICHE DIVINE

Per festeggiare la sua schiacciante vittoria elettorale, nella notte tra domenica 19 e lunedì 20 Giugno 2016, il neo-ri-eletto sindaco Luigi de Magistris fa aprire le porte di palazzo S. Giacomo, luogo fisico che ospita il Comune: istantaneamente, il palazzo viene invaso da una grande folla in festa che intona le rosse note di “Bella ciao”. Della serie: la rivoluzione è fatta, o almeno stiamo sulla buona strada.

In effetti, soprattutto a partire dal 2014, “Giggino” si è fatto protagonista di due particolari tendenze politiche che lo hanno portato alla ribalta: la prima consiste nell’opposizione al governo Renzi – ma più in generale alla linea, nazionale e regionale, del PD, accusato di aver perso ogni parvenza di democrazia – e la seconda, invece, nell’avvicinamento alle istanze dei tanti movimenti sociali della città attraverso incontri collettivi in piazza, in sedi istituzionali e non, quasi a palesare l’esistenza di quartieri spagnoli a Napoli (podemos).

Nel video che segue, prodotto da uno dei nostri collaboratori, l’attenzione vuole porsi sulla seconda strategia politica del sindaco napoletano, ed in particolare sull’aspetto della sua ricezione.

Alle immagini dei festeggiamenti in questione, infatti, è sovrapposto l’audio di “Un giorno all’improvviso”, l’oramai celebre inno della tifoseria calcistica napoletana, sostituito a quello originale di “Bella Ciao”.

Lo scopo è quello di evidenziare attraverso il montaggio audio-video la straordinaria somiglianza che intercorre tra due momenti che, pur nella loro differenza sostanziale, sono accomunati da una matrice massificante, nonché la ridisposizione di un canto partigiano intonato a mò di coro da stadio.

“Questo movimento popolare”, finalmente visibile tra le mura di palazzo S.Giacomo, “nasce da meccaniche divine” che evidenziano il grado di separazione.

La massa dei fedeli-cittadini.

“Giggino” e la “massa critica” in Comune.

L’individualità separata ritrova la sua conciliazione nel bagno di massa. La politica e lo sport, in relazione biunivoca nella costruzione di un palcoscenico, come momento di sintesi tra dinamiche che, seppur atomizzate, costruiscono il nucleo di una rappresentazione tanto neutrale quanto immediatica.

Annunci

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...