Fallo girare

È un dato di fatto: tutti nella vita siamo o siamo stati un po’
Britney Spears. All’inizio del video di debutto della ex Disney-star
più amata degli anni ’90, le inquadrature sottolineano tutti i
movimenti ossessivi che si fanno nei momenti di noia. “…Baby, One More
Time” inizia con il rumore di un piede che tocca ripetutamente un
banco per poi passare a Britney intenta a far oscillare furiosamente
la penna verso destra e sinistra.

Gesti del genere sono familiari a chi non riesce a stare fermo nei
momenti di noia estrema o di stress. È in quegli istanti che le penne
a scatto nelle vicinanze diventano fonte di sollievo per chi ne preme
ripetutamente la parte superiore e tormento per le persone nelle
vicinanze. Ma che radice hanno questi impulsi nervosi?

La risposta non è nulla di inquietante: per preoccuparsi, bisognerebbe
essere soggetti a tic nervosi che si protraggono per un lungo periodo
e per buona parte delle giornate. I tic di cui chiunque può aver fatto
esperienza sono quelli dovuti a una situazione di stress o a un
momento in cui si avverte l’impossibilità di star fermi, dunque la
necessità di canalizzare la propria energia.

Alla fine del 2016, è stato introdotto sul mercato il “Fidget Cube”, un piccolo cubo che offre su ogni faccia la possibilità di scaricare la tensione. Il cubo offre su ogni faccia la possibilità di scaricare la tensione: da piccoli
pulsanti da premere in varie combinazioni a un interruttore da spegnere
e riaccendere, da una faccia in cui poter digitare infinite
combinazioni numeriche a bottoni da muovere circolarmente – fino ad
arrivare a una faccia in cui viene proposta un’area che dovrebbe
ridurre lo stress, basata su una pietra dagli effetti analoghi.

Nonostante gli ideatori del Fidget Cube abbiano raccolto 6.465.690 dollari su Kickstarter grazie a 154.926 contribuenti, il cubo non ha poi avuto la visibilità di quell’aggeggio che nelle ultime settimane sembra agitarsi nelle mani di chiunque: il Fidget Spinner. Si tratta di uno strumento che, proprio come il cubo, dovrebbe placare l’agitazione (fidget, appunto).

A differenza del Fidget Cube, lo Spinner consente un solo modo per scaricare lo stress: gira all’infinito la sorta di elica di cui è fatto. Inoltre, a differenza del cubo, lo Spinner è in circolazione dal 1993 – non è ben chiaro perché questa moda sia scoppiata così in ritardo.

Spinner e Cube sono oggetto di dibattito per la stampa italiana ed estera: giochetti del genere finiscono per distrarre. In alcune scuole ne è vietato l’utilizzo poiché i ragazzini rischiano di concentrarsi più sul girare ossessivamente una rotella che su contenuti didattici. Non sia mai che si stacchino gli occhi dallo smartphone.

[Ambra Benvenuto]

Annunci

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...