Rampone, Istituto a 5 *****

A sole due settimane dall’alluvione che nel 2015 colpì il Beneventano – e di cui fu sfortunata vittima, tra le tante, l’Istituto tecnico professionale Rampone – il MoVimento  5  s*t*e*l*l*e  nelle persone di Luigi Di Maio e di 7 consiglieri regionali consegnò questo maxi-assegno da 102.548,50 Euro raccolti col taglio dei loro stipendi per ripristinare i laboratori allagati:

Assegno Rampone Benevento M5S

Giallo evidenziatore, cifra allo spicciolo, hashtag, destinatario, luogo, data, firma e LOGO. La comunicazione grillina parlava chiaro. Era il 29 Ottobre 2015.

Il 25 maggio 2017, poi, Benevento è tornata agli onori della cronaca nazionale per la presenza di quello stesso LOGO sulla targa apposta ad inaugurare, segnalare e commemorare i laboratori finanziati con un gesto così encomiabile e così sponsorizzato. La comunicazione grillina vuole ora parlare ancora più chiaro.
Scoppia la polemica in città, perché nelle scuole simboli di partito non ce ne devono essere.

targa m5s Rampone Benevento

Nella storia repubblicana d’Italia, l’unico precedente simile ma, ad onor di cronaca, ben più grave, risale al 2010, quando la Lega Nord aveva disseminato nazisticamente una scuola di Adro con circa 80 Soli delle Alpi, poi rimossi su ordinanza del Tribunale di Brescia. Nello stesso istituto, il sindaco dichiarò perfino che avrebbe lasciato digiuni i figli delle famiglie non in regola con i pagamenti della mensa.

Assodata e condannata l’intenzionalità propagandista di entrambi gli episodi, la critica di quanto successo a Benevento dovrebbe tener conto del fatto che:

– la dimensione quantitativa e qualitativa dei due casi è diversa: non solo c’è sproporzione nell’uso dei simboli, ma la Lega non aveva alcunché da rivendicare, mentre a Benevento c’è stato un intervento di recupero finanziato da politici locali, il che la dice lunga sui problemi della macchina pubblica a cui sarebbe spettato l’intervento collettivo senza dare modo ad un partito di pentastellare una scuola e farsi pubblicità su una tragedia;

–  il marchio del M5S nel Rampone c’era già dal 29 Ottobre dell’anno scorso, giorno dell’assegno. La differenza è quella tra potenza ed atto. Bisognava dunque indignarsi anche prima, quando si spettacolarizzava e rivendicava un qualcosa di non ancora fatto a sciagura appena avvenuta;

– ci hanno pure fatto lo sconto, levando la scritta BEPPEGRILLO.IT (che dominio!);

– è passato un anno e mezzo dall’alluvione e ci preoccupiamo di questo invece che di politiche ambientali;

– Mastella, dichiarando che: «è ancora più grave che ciò sia avvenuto alla presenza di un parlamentare che, rivestendo la carica di vicepresidente della Camera, avrebbe dovuto far prevalere un atteggiamento di tipo istituzionale piuttosto che l’irresponsabilità del militante politico qualsiasi. Quanto accaduto stamani conferma, se ancora ce ne fosse bisogno, l’assoluta mancanza di cultura istituzionale da parte dei rappresentanti del Movimento 5 Stelle», passa pure per uno buono;

– anche la sinistra cittadina, indignatasi, espone i suoi simboli nelle strutture occupate;

Di Maio Benevento laboratorio m5s Rampone
Stay foolish Giggì

– se non c’era il simbolo c’era il testo (l’avete letto?) e se non c’era il testo non c’era niente e a quel punto l’Istituto Rampone chi ringraziava?;

– accettiamo di buon grado i simboli delle istituzioni (da quelli più locali a quello sovranazionale) ma non di partito perché crediamo che l’istituzione sia di per sè neutrale e che il partito sia ideologico. Questo assunto andrebbe rimesso in discussione, considerando che l’istituzione è a sua volta frutto di un’ideologia e che di quest’ultima spesso lamentiamo la fine, soprattutto nel partito di Grillo. Osmosizzatisi nel mito del progresso, istituzioni e partiti fanno le stesse cose, in questo caso: laboratori per le scuole. Qual è la differenza?

targa UE scuola
Con l’Europa (noi ?!) investiamo nel vostro (!!!) futuro

Insomma, un buon gesto e una cattiva scelta da parte dei grillini, ma una polemica sragionata da parte di quasi tutti. La dimensione simbolico-ideologica nelle scuole passa per i libri, per il crocifisso, per il tricolore e la bandiera UE esposte fuori. O si riconcettualizza un po’ tutto, mettendo da parte faziosità soggettive, oppure è solo fuffa mediatica.

E ja, povero Giggino.

[Stefano Oricchio]

Annunci

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...